Mutuo Ristrutturazione

Mutuo Ristrutturazione

FINALITA’

E’ destinato esclusivamente alla ristrutturazione di unità abitative. E’ un mutuo chirografario: non prevede alcuna garanzia ipotecaria.

Inoltre, è possibile detrarre dall’imposta sul reddito un importo pari al 19% di interessi passivi, oneri accessori e quote di rivalutazione (dipendenti da clausole di indicizzazione). L’importo massimo su cui calcolare tale detrazione è di 2.582,28 €.

Manutenzione ordinaria: interventi effettuati su edifici già esistenti. Riguarda le cosiddette piccole opere (lavori di ristrutturazione di parti limitate di un edificio, o finalizzati a restituire funzionalità).
Non è necessario presentare alcuna domanda o segnalazione al Comune. Il proprietario dell’immobile è responsabile della regolarità dei lavori, in particolare per quanto riguarda norme di sicurezza e di igiene. In caso di interventi sull’impianto elettrico o del gas, è necessaria la presenza di personale qualificato che ne certifichi la conformità alla legge. I lavori di manutenzione ordinaria non possono modificare né l’aspetto esterno dell’edificio, né la disposizione delle pareti interne.

Manutenzione straordinaria: interventi riguardanti consolidamento, rinnovamento e sostituzione di parti (anche portanti) della struttura delle costruzioni, come i muri di sostegno, le architravi etc. Comprendono anche le opere finalizzate a realizzare servizi igienici o tecnologici; modificare l’assetto distributivo; intervenire sulle facciate dei fabbricati; trasformare singole unità immobiliari in più unità immobiliari (e viceversa). Tali interventi non devono portare alla realizzazione di un edificio completamente diverso dal punto di vista di forma, aspetto ed uso: occorre verificare (con il progettista) che essi rientrino nelle categorie previste dal Regolamento Edilizio. E’ necessario presentare il progetto edilizio unitamente ad una domanda di autorizzazione o ad una denuncia di inizio attività.

Ristrutturazione con grandi opere: interventi riguardanti sia l’interno che l’esterno dell’edificio, ovvero, trasformazioni che comportano cambiamenti sostanziali, come la ricostruzione dello stabile o il cambio d’uso, dell’aspetto estetico e delle dimensione dell’edificio stesso. Essi richiedono, oltre alla concessione edilizia, il versamento di un contributo all’Amministrazione Comunale. Appartengono alla categoria “grandi opere” i seguenti interventi: costruzione di nuovi edifici; ampliamento di edifici già esistenti; installazione di prefabbricati e case mobili; interventi per la realizzazione di parcheggi non pertinenziali (quelli che possono essere costruiti e venduti liberamente).

MUTUI RISTRUTTURAZIONE

- Importo massimo concedibile pari a 25.000.00 €.
- Approvazione della richiesta entro 48 ore dalla ricezione completa della documentazione.
- Tempi di rimborso variabili da 19 mesi a 5 anni, attraverso il pagamento di comode rate mensili.
- Il tasso può essere fisso oppure variabile trimestralmente, calcolato sulla base della media tra Euribor 3 mesi ed Euribor 6 mesi, sulla quale viene applicata una maggiorazione (spread). In questo caso, è previsto un periodo di preammortamento allo stesso tasso del periodo iniziale.
- Estinzione anticipata possibile.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine