Tasso Misto

Tasso Misto

Questa tipologia di contratto prevede che le due formule, a tasso fisso e a tasso variabile, siano applicate entrambe in periodi diversi del mutuo, in base al piano di rimborso concordato.

Per i primi anni viene fissato un tasso costante, che diventerà variabile in seguito ad una scadenza precedentemente concordata.
Nel primo periodo, è la durata dello stesso ad influire sul costo. Tale scelta può risultare particolarmente conveniente, poiché è proprio all’inizio che le variazioni incidono in misura maggiore.

In questo modo, però, si vanno a perdere i benefici che il tasso variabile genererebbe nel caso in cui la differenza di costo producesse il maggior risparmio. Il muto a tasso misto, infatti, solitamente viene scelto da coloro che, almeno inizialmente, non possono rischiare in un eventuale aumento della rata.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine