Legge 488: Graduatorie

Legge 488: Graduatorie

La gestione della legge è delegata a determinate banche, le quali esaminano le domande di contributo per conto del Ministero; quest’ultimo si limita a definire, di volta in volta, le eventuali modifiche e le date di apertura e chiusura dei singoli bandi. Inoltre, ha il compito di emettere le graduatorie. Esse vengono stilate in base ai seguenti parametri.

- Occupazione creata: viene calcolata in rapporto all’ investimento, in migliaia di euro.
- Capitale proprio immesso: non è assolutamente utilizzabile capitale sociale già versato (anche se elevato) o il conferimento in azienda di beni fisici.
- Percentuale di contributo richiesto.
- Parametro ambientale: è il parametro più complesso, sia perché cambia se gli investimenti superino o meno i 50 miliardi, sia poiché è parzialmente ancorato alla reale politica ambientale perseguita dall’azienda. E’ suddiviso in 2 parti: una destinata alle certificazioni ambientali, l’altra alla diminuzione dell’uso di sostanze pericolose. Le certificazioni ambientali realizzabili sono la certificazione Emas e la Iso 14.000. Il conseguimento della prima, in considerazione della maggiore complessità, ottiene nella graduatoria un punteggio pari a 10, il conseguimento della seconda, un punteggio pari a 7. La parte rivolta alle diminuzione dell’uso di sostanze pericolose assegna un punteggio massimo di 7.
- Preferenze regionali: viene stabilito dalle singole regioni in relazione alla propria politica economica, premiando (con un punteggio più alto) le aziende appartenenti a settori ritenuti prioritari.

Il software in dotazione al Ministero confronta tutti i punteggi ricavati attraverso un calcolo statistico (basato sulle funzioni di Media e Deviazione standard) che assegna ad ogni punteggio lo stesso peso. In questo modo vengono creati parametri normalizzati, la cui costituirà il punteggio ottenuto dall’azienda all’interno delle graduatorie. Una volta stilate, saranno ammessi progetti fino ad esaurimento dei fondi (normalmente è coperto il 50% delle domande): superare l’istruttoria, pertanto, non significa necessariamente ottenere il contributo.
Esistono 2 graduatorie per regione (per progetti d’importo inferiore ai 25.822.845 €) e 2 graduatorie nazionali (per progetti d’importo superiore ai 25.822.845 €). Ogni regione, a fianco della graduatoria ordinaria (alla quale partecipano possono partecipare tutti) possiede una graduatoria speciale, destinata esclusivamente ad aziende di determinate categorie produttive o di determinate aree. A tali graduatorie possono venire assegnati dal 20% al 50% degli aiuti stanziati (le aziende privilegiate vengono stabilite dalla regione stessa).
Le graduatorie con le aziende finanziate sono emesse entro 6 mesi dalla presentazione della domanda; se questa è stata finanziata l’impresa può ricevere sino al 50% del contributo entro altri 2 mesi.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine