Come scegliere

Come scegliere

Risparmiare denaro, con il costo della vita in crescente aumento e tutte le difficoltà legate al mondo del lavoro ed alla questione delle pensioni, diventa sempre più difficile ed impegnativo.

Affinché tutti gli sforzi sostenuti non vadano perduti in investimenti sbagliati, i risparmiatori devono valutare accuratamente sia il consulente finanziario al quale si rivolgono, che, ovviamente, la forma di investimento più idonea ai propri obiettivi ed alle singole esigenze. Fare la scelta giusta richiede, pertanto, tempo ed attenzione.

Innanzitutto, è meglio non farsi illudere dalle promesse di facili guadagni. Se un investimento sicuro rende una cifra x, generalmente è opportuno diffidare da chi promette il doppio: o l’investimento non è sicuro, poiché al crescere del rendimento atteso corrisponde un aumento del rischio, oppure ci si può trovare davanti ad una vera e propria truffa.

Conviene sempre diversificare l’investimento, senza mai incorrere in rischi che non si intende sostenere. Se si decide di investire in azioni, la diversificazione diviene pressoché indispensabile.

Prima di sottoscrivere qualsiasi prodotto, occorre leggere attentamente il relativo regolamento o la scheda informativa: in caso di dubbi, chiedere tutte le spiegazioni al riguardo. Non solo esiste il diritto di esaminare tali documenti prima della sottoscrizione: qualora si dovessero firmare ma, in un secondo momento, si scoprisse qualcosa che non era stato esplicitamente detto, è comunque previsto il diritto di recesso dal contratto.

Le categorie che propongono investimenti variano dagli impiegati bancari ai dipendenti postali, dai promotori finanziari agli agenti assicurativi: bisogna sempre prestare la massima attenzione alla persona alla quale ci si intende affidare. All’interno della medesima categoria, infatti, ci possono essere figure professionali più o meno esperte e preparate, con diversi gradi di trasparenza ed affidabilità.

Diffidare sempre da chi tende ad evitare gli aspetti legati alla questione dei costi, ad eventuali penali di uscita ed, in ogni caso, da chi offre soluzioni pronte senza esaminare con cura quale potrebbe essere il prodotto più vantaggioso per la situazione specifica del cliente, ricordando che promotori finanziari e gli agenti assicurativi sono pagati con una percentuale sul venduto, e questo potrebbe non garantire l’imparzialità delle relative proposte.

Informarsi attentamente sui costi dei prodotti, soprattutto per quel che concerne le polizze assicurative, sarà utile ad evitare future e spiacevoli sorprese. Verificare di aver compreso le caratteristiche di ogni prodotto. Se, ad esempio, l’anno precedente un dato investimento ha reso x, questo non implica necessariamente che l’anno successivo si comporterà nello stesso modo.

Se non si è convinti di un determinato prodotto (per motivi legati alla durata o al rischio) perché non ritenuti conformi alle proprie esigenze, non farsi mai mettere fretta nel firmare il contratto. Inoltre, tenere presente che le tradizionali polizze assicurative o i fondi comuni sono sempre disponibili.

In caso di dubbi, si può anche andare presso un’altra banca (anche se non si è clienti) per chiedere informazioni sui loro prodotti d’investimento, al fine di confrontare le varie proposte in termini di rendimenti, costi, vincoli di tempo, etc. Le banche, generalmente, davanti ad un potenziale cliente sono sempre molto disponibili.

Chiedere pareri ad amici e parenti solitamente è rischioso: per mancata competenza in ambito finanziario, o per aspetti legati al passa parola, potrebbero infatti risultare una fonte poco attendibile.

 
 
 
 
 

Articoli

 

Ti Piace vetrine